La Fondazione > Il logo
   
         La Fondazione
 Cos'è la Fondazione
 Il logo
 Chi può usufruire dei servizi
 Organi istituzionali
 Statuto
 photogallery
 25° Anniversario
   
         Corsi e Convegni
 Eventi 2019
 Eventi 2018
 Archivio Corsi
 Crediti formativi
 Convegni Regionali
 photogallery
   
         Camera Arbitrale
 Attività
 Regolamento Arbitrale
 Facsimile clausole
 Elenco arbitri
 Tariffario
 Recapiti ed orario

Il logo



Fra i numerosi e poco noti cimeli di Brescia va annoverato il gallo del Vescovo Ramperto che, fino agli inizi del secolo, troneggiava dall'alto del campanile romanico dei SS. Faustino e Giovita dov'era stato issato nel lontanissimo anno 820, in pieno governo di Carlo Magno.
Nel Medioevo il gallo aveva significati nobili: era il simbolo della fede e della vigilanza.

Il gallo che rinfaccia a S. Pietro il suo tradimento, entra nella simbologia cristiana, accanto al pesce ed all'agnello, come immagine della fede che combatte vigile ed animosa contro ogni insidia.

Il gallo rampertiano ha lasciato il campanile dei SS. Faustino e Giovita nel 1910 per essere collocato nel museo di S. Giulia come cimelio di estremo interesse e simbolo di un' epoca aurea.

Può essere considerato il decano di tutti i galli da campanile con i suoi quasi 1200 anni di vita.

E' stato oggetto delle poco raccomandabili attenzioni delle soldatesche che dimoravano in Castello le quali non trovavano miglior divertimento che prendere ad archibugiate il fiero gallo del sottostante campanile. Il risultato è che le belle piume rivestite di lastrine di rame dorato si sono sfaldate ed anche alcune scritte latine, che vi erano incise con la data di nascita del gallo, si sono perdute.
Il grande filologo romanzo Francesco Novati, integrando le parti mancanti, lesse l'iscrizione incisa sulle penne della coda, che recita:

+Domus - rampertus - episcopus - brixianus - gallum - hunch - fieri - precepit - anno - domini - nostri - yhu - xpi - r - m - octogentesimo - vigesimo - indictione nona - ann - transl. - ss. decimoquarto - sui - episcopatus - vero - sexto:

Il Signor Ramperto vescovo bresciano ordinò che fosse fatto questo gallo nell' anno di nostro Signore Gesù Cristo 820, nella IX indizione, nell' anno XIV della traslazione dei Santi [Faustino e Giovita] e VI del Suo episcopato.

Ma chi era il Vescovo Ramperto? Lo si definisce il più grande dotto prelato che Brescia abbia avuto nell'epoca carolingia. Fu Vescovo della città per trent'anni, brescianissimo di origine e di fatto. Vide il passaggio dal regime longobardo a quello franco, diede nuovo impulso a tutta la vita sociale e religiosa della città con la chiamata dei benedettini nel Monastero di S. Faustino. Ha lasciato di sè poche memorie, ma sufficienti ad illuminare la sua eminente figura di riformatore ed organizzatore della vita bresciana. Fu sepolto nello stesso S. Faustino, da lui fatto costruire, e venerato per lunghissimo tempo tanto che gli fu spontaneamente attribuito il titolo di beato.La sua memoria resta unita al gallo che splendeva sulla cima del campanile faustiniano.

I dottori commercialisti ed i ragionieri bresciani, adottando il mitico gallo come simbolo della loro fondazione, hanno ridato voce alla storia.
Un atto quasi di omaggio al fervore bresciano che vide in Ramperto un attore di primo piano e nel "suo" gallo il segno di brescianità genuina e di vigile operosità.


 


 
 

   
         Comunicazioni
 Eventi formativi
 In evidenza
   
         Informazioni
 Contatti
 Dove siamo
 coordinate bancarie
 Links Ordini
   
         Banca Dati
 Contenuto e accesso
 Guida operativa e tariffario
   
         Biblioteca
 Informazioni
 Elenco riviste
 Ricerche e tariffario
 Photo gallery
Cookie PolicyPrivacy PolicyTrattamento Dati Personali